Algoritmi e sapori del vino

database sapori vino

Una buona strategia di marketing parte dalla percezione che il consumatore ha del prodotto; le tecnologie digitali possono aiutare sia a capire le preferenze che a trovare il linguaggio migliore per parlare con il cliente. Uno degli aspetti più complessi da comunicare ai consumatori meno esperti, è la cosiddetta analisi organolettica, ossia profumi e gusto di una certa bottiglia. Costruire ed utilizzare un database di questi profumi e sapori oggi è reso possibile dalle tecnologie digitali.

Esiste una nicchia emergente del software che può rendere fruibili questi elementi. Vivanda, per esempio, ha introdotto la tecnologia proprietaria “FlavorPrint“, con algoritmi di apprendimento per analizzare aroma e gusto, così da abbinare le preferenze di un consumatore a qualsiasi ricetta. Utilizzando questa tecnologia, Vivanda fornisce approfondimenti per le industrie alimentari e delle bevande, consentendo di raggiungere un alto livello di personalizzazione.

Database degli aromi del vino

Il settore del vino  è senza dubbio l’industria che può trarne maggiori benefici, le note di degustazione sono onnipresenti nel vino.

I marketer le adorano, i clienti le leggono e i blogger fanno a gara a chi ne trova di più. Ma ciò a cui si riducono veramente è un elenco di parole che descrivono la percezione di un determinato vino da parte di un individuo. E poiché la percezione, specialmente nel vino, è soggettiva, questa lista può sfuggire un po ‘di mano. 

Nessuno direbbe che un pezzo di pollo ha il sapore o l’odore di qualcosa di diverso dal pollo. Ma per un bicchiere di Zinfandel possiamo trovare definizione di lampone, mora, amarena, anice, liquirizia nera, ortica, cannella, pepe nero. Il livello di dettaglio nella descrizione del vino è estremamente fine e un descrittore come il lampone può essere ulteriormente suddiviso in lampone fresco, lampone essiccato o marmellata di lamponi. I descrittori di vini vanno oltre il regno del commestibile, con parole e frasi come catrame, cemento bagnato, tubo da giardino e petrolio.

Il database delle parole che descrivono il cibo può essere immenso, ma quello del vino è più grande. Di conseguenza, richiede una potente tecnologia algoritmica per renderlo utilizzabile.

Il gusto digitale per il vino

Un’azienda che sta adottando un approccio mirato al gusto per il vino è Bright Cellars. Fondata da due laureati del MIT con la passione per il vino e la tecnologia, Bright Cellars è un servizio di abbonamento mensile al vino che abbina i wine lovers di qualsiasi livello di esperienza ai vini che preferiscono. Gli abbonati fanno un sondaggio iniziale per determinare il loro palato, e i risultati sono sottoposti a un algoritmo di proprietà che utilizza 18 attributi per determinare una bottiglia di vino adatta. Dopo aver assaggiato il vino, gli abbonati gli danno una valutazione, che Bright Cellars utilizza per restringere ulteriormente l’elenco delle bottiglie che potrebbe piacere all’abbonato.

È ancora relativamente rudimentale, ma indica una nicchia emergente nel vino. Digitalizzando il gusto, l’industria del vino può trasferire potere e conoscenza ai meno informati della sua base di consumatori per prendere decisioni migliori e più sicure sull’acquisto del vino.

Photo by Louis Hansel on Unsplash

We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *