Degustazioni digitali

ipad in cantina

La Fox Run Vineyards sul lago Seneca, NY, ha messo in piedi un programma di degustazioni ad alta tecnologia dove iPad in cantina e IA guidano il cliente nella scelta del vino.

Quando si utilizza il sistema VineSleuth, la nuova tecnologia sviluppata da Amy Gross, si inizia a rispondere ad alcune domande relativamente al tipo di sapore e profumi che il cliente preferisce. Queste preferenze vengono poi inserite nel database della piattaforma, che sceglie la bottiglia giusta dal proprio elenco. Usare la tecnologia per far avvicinare i clienti al vino è un buon sistema per introdurre i nuovi sistemi digitali nel mondo del vino. Un iPad in cantina può essere utilizzato in molti modi.

La cantina Fox Run è la prima azienda USA a provare questa tecnologia, ed è quindi il primo mercato di prova per VineSleuth.  L’obiettivo è quello di rendere la scelta del vino più semplice e mettendo a proprio agio il consumatore.

Si inizia inserendo le preferenze sull’app installata nell’iPad a disposizione del wine bar o della cantina. Ti piacciono i vini secchi e corposi con molta quercia? Ti piacciono i vini dolci e fruttati con un finale persistente? Gli algoritmi di VineSleuth, alimentati da un gruppo di esperti umani, inseriscono e trovano i vini più adatti presenti nel database.

In una dimostrazione a Fox Run, Amy Gross ha inserito una serie di preferenze casuali: dolcezza medio-bassa, corpo più pieno, bassa acidità, lieve speziatura, fruttato, molta mineralità e poco legno.

In pochi secondi, VineSleuth ha sfornato un elenco dall’inventario di Fox Run. 

“Ora puoi provare i vini che ha preselezionato in base a quello che ti piace”, ha detto Gross. “E puoi sempre modificare le tue preferenze e ottenere un elenco diverso.”

Il cliente in realtà potrebbe essere ancora intimidito dal dover decidere se desidera le caratteristiche come “acidità” o “mineralità”.

Questo è uno dei luoghi in cui entra in gioco l’elemento umano. Alla Fox Run, il personale della sala di degustazione sta imparando ad aiutare i visitatori a navigare nel sistema. È una possibilità che la tecnologia può fornire non solo per la gestione della cantina, ma anche per le degustazioni.

“Le persone generalmente sanno se preferiscono la frutta secca o il dolce”, ha detto Osborn. “Ma l’acidità – molte persone non sanno di cosa si tratti. Quindi noi, il nostro staff, aiutiamo in questo. ”

“Puoi scegliere un vino con alta acidità e poi provarlo”, ha detto. “Quindi puoi dire se ti piace o no.”

L’altro fattore umano è il gruppo di esperti che VineSleuth ha assunto per creare i profili per i vini elencati nel database. Le caratteristiche di gusto per ciascun vino sono state aggiunte solo dopo che i degustatori li hanno scelti in degustazioni ripetute e c’è stato un accordo su ciascuno di essi.

È anche diverso dai tipici “punteggi” di vino basati su esperti che in genere si trovano nelle riviste o nelle guide online.

Un punteggio di” 96 “o” 87 “è buono, ma cosa significa veramente? ha detto Gross.

Gross, che vive a Houston, ha iniziato a lavorare su VineSleuth 10 anni fa. È stata una scrittrice di vini, ma ammette di non essere un’esperta di algoritmi e altri aspetti tecnologici.

Il team che l’ha aiutata a ideare il programma VineSleuth comprende l’enologo della Fox Run Peter Bell e Anna Katherine Mansfield,, professoressa di enologia alla Cornell University. E c’è un matematico applicato per gli algoritmi e altri numeri.

Gross ha visitato i Finger Lakes dove si trova la Fox Run Vineyards per la prima volta nel 2011 ed ha iniziato a conoscere una regione che non conosceva. 

In questi dieci anni, i Finger Lakes sono cresciuti molto per la qualità dei suoi vini e nell’esperienza di degustazione. E ovviamente è un ottimo posto da visitare

Prossimamente ha in programma di aggiungere un’altra cantina di Finger Lakes al programma pilota e sta creando una versione da birra che verrà testata in un bar di Huston. Spera anche di lanciare VineSleuth nei negozi di alimentari.

Scott Osborn, gestore della cantina, ha detto che spera che VineSleuth aiuti i suoi clienti a vivere un’esperienza migliore, anche se la sala di degustazione offre ancora i fogli di degustazione tradizionali per coloro che preferiscono tenere fuori la tecnologia.

Vede anche un vantaggio collaterale.

“In genere le persone trovano più facile attenersi ai vini che già conoscono”, ha detto.

“Penso che questo offra un modo per consentire alle persone di aprirsi a più vini, più varietà.”

Photo by bruce mars from Pexels

We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *