Il Food&Beverage ha sempre interessato gli investitori, che in genere fino ad ora si limitavano ad acquisire aziende vinicole, famose enoteche, ristoranti.

Futuro del vino e modelli di business

Da cinque anni a questa parte, l’interesse sta andando anche verso le aziende che usano nuovi modelli di business e tecnologie digitali.

Un settore che sta riscuotendo molto interesse è senza dubbio quello del delivery, la consegna di cibo e bevande direttamente a casa del cliente, nel più breve tempo possibile.

https://www.ifama.org

Una compagnia come Drizly.com, ad esempio, ha ottenuto dal 2014 ad oggi ben 35 milioni di $ da 27 investitori, due dei quali, Polaris Partner e Continental Investors, ricoprono il ruolo di lead investors, investitori con il ruolo di guida della startup.

Drizly, nata nel 2012, si propone di consegnare entro un’ora le bevande, scelte fra birre, vini o liquori, che i propri utenti possono trovare all’interno del suo negozio virtuale.

Vino, delivery e Big Data

Praticamente voi comprate sul sito, loro escono, vanno nei negozi partner ed acquistano per voi il prodotto, poi ve lo portano a casa, in 60 minuti, senza costi aggiuntivi.

Oppure come Bright Cellars, compagnia nata nel 2014 che utilizza la potenza dei Big Data per scegliere 4 vini al mese da consegnare agli iscritti al servizio, che ha ricevuto 4,8 milioni di $ di finanziamento.

L’ultima tranche da 2,8 milioni è stata consegnata a maggio da un gruppo di investitori, tra i quali spicca Cleveland Avenue, compagnia specializzata in acceleratori per cibo e bevande.

Ultimamente ha finanziato con 17 milioni ZeroCater, compagnia di catering online specializzata nelle consegne presso uffici e aziende.

Investitori nel Wine e-Business

Se vogliamo dar retta al percorso degli investimenti, le piattaforme di prenotazione e delivery di cibo e bevande stanno diventando un settore promettente, sia che vengano realizzate al vecchio modo che, soprattutto, se usano gli attuali sistemi digitali.

Investment in e-food
https://www.ifama.org

La velocità nella consegna, un’ampia scelta di etichette, centrare i desideri del cliente, questo il prodotto offerto.

In cambio, un abbonamento al servizio che può essere disdetto e ripreso in ogni momento.

L’ingresso di Amazon nel campo dell’e-commerce di cibo e bevande ha dato certo un grosso impulso alla crescita del settore ed alle sue prospettive. L’acquisizione di Whole Foods è un segnale per ogni compagnia e startup che voglia unire la tecnologia digitale al delivery ed alla vendita diretta.

Direct to Consumer e Instant Delivery potrebbero essere il futuro del Wine Business.

La guida a Telegram gratuita e completa
Scaricala GRATIS e risparmia € 8,60!
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *