Potenzialità della Geolocalizzazione

wine geolocalization

I nostri smartphone tracciano continuamente la nostra posizione geografica, ed è facile rintracciare i posti dove siamo stati andando semplicemente nella cronologia di Google Maps. In alcuni casi però la geolocalizzazione può diventare un fattore importante per la promozione di una attività o per la raccolta di dati analitici.

Geolocalizzazione, il prossimo mercato

Più ancora dei Big Data, localizzare la posizione di qualunque cosa, da un gruppo di persone ad un bosco, da un negozio ad una cantina vinicola, sta diventando un trend in crescita che può portare a sviluppi interessanti.

Tre sono gli acceleratori per questa tecnologia: facilità di connessione, algoritmi di data analisi, basso costo di smartphone di medio livello.

Uno dei maggiori utilizzi della geolocalizzazione è il controllo dell’ambiente, analizzando ad esempio il flusso di persone che si recano in un bosco, una foresta, un luogo ad alto rischio ambientale. Si può capire quante automobili stanno transitando e quante persone ci sono in giro per i sentieri, e prendere eventuali provvedimenti.

Ancora, dotando ogni albero di un geolocalizzatore è possibile controllare se ne vengono abbattuti illegalmente, o verificare l’aumento o la diminuzione di campi coltivati.

Naturalmente c’è anche il marketing, e nello specifico il turismo legato al vino. È possibile ad esempio capire se nei pressi della propria cantina è presente un gruppo di turisti, ed inviare delle pubblicità mirate. Questo è un buon esempio di come posizione geografica e data analytics possono lavorare insieme per migliorare il messaggio pubblicitario. Se volete capire come usare le mappe nel turismo del vino, potete leggere questo post.

È inutile infatti inviare pubblicità a chi non è interessato, visto che una campagna di advertising ha un costo importante, se fatta bene.

I mercati più promettenti per la tecnologia della geolocalizzazione, secondo il 2019 ICT4D survey, nei prossimi cinque anni saranno Asia ed Africa, e questo sta sviluppando una nuova tecnologia chiamata Geo.AI. L’unione quindi tra tecnologia geospaziale ed Intelligenza Artificiale sembra ricca di nuove potenzialità.

La localizzazione geografica può diventare il prossimo aggregatore di tecnologie diverse, dalla Blockchain alla Realtà Virtuale.

Photo by Aksonsat Uanthoeng from Pexels

We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *