Winedepot, piattaforma digitale e logistica del vino

piattaforme digitali nel mercato del vino

Digital Wine Ventures (nessuna parentela, purtroppo…) è una società australiana quotata in borsa che si occupa di investire in piattaforme digitali nel mercato del vino. A giugno di quest’anno ha fondato Winedepot, una piattaforma SaaS (Software as a Service) dedicata al trasporto del vino.

DTC significa velocità di consegna

In un periodo in cui e-commerce, wine club e DTC (Direct To Consumer, vendita diretta) stanno crescendo, trasportare e consegnare efficientemente le bottiglie diventa un buon affare. Winedepot è nata dalla collaborazione fra Digital Wine Ventures e le poste australiane, ossia Australia Post. Un buon esempio di partnership intelligente tra chi fornisce la tecnologia e chi i sistemi di logistica. 

I primi quattro depositi sono i centri logistici di Australia Post a Sydney, Melbourne, Brisbane e Perth; come funziona Winedepot lo spiega direttamente Dean Taylor, CEO di Digital Wine Ventures in una intervista a Food&Drink Business:

Gli ordini vengono elaborati attraverso la nostra piattaforma, e vengono inviati al deposito più vicino all’indirizzo di consegna dove vengono raccolti, imballati e spediti al cliente finale. I depositi quindi si riforniscono automaticamente su base bisettimanale dalle strutture di stoccaggio di grandi dimensioni regionali di Winedepot per conto dei fornitori

Il sistema consente ai clienti di ricevere le proprie bottiglie entro 24-48 ore dall’ordine; qualche giorno fa, Winedepot ha superato per la prima volta i 1000 ordini giornalieri. Certamente l’accordo con Casella Family Brands, la cantina vinicola più grande di Australia, con 300 milioni di bottiglie prodotte ogni anno, ha contribuito a superare l’obbiettivo delle 1000 consegne giornaliere. Tra i clienti di Winedepot troviamo anche piccoli produttori, da poche decine di migliaia di bottiglie. 

Software come servizio

SaaS è l’acronimo di Software as a Service, ossia il software come servizio; in pratica si tratta di una piattaforma accessibile via web con moduli che possono essere combinati tra loro. Il servizio quindi viene creato in funzione di quel che serve al cliente finale. È uno dei vantaggi del cloud, l’utilizzatore finale non ha bisogno di installare niente sul proprio computer, basta aprire il browser e andare sul link scritto sul contratto.

Un aiuto al sistema logistico dell’azienda verrà dato naturalmente dalla tecnologia di scelta all’interno dei siti di e-commerce e dei wine club.

Avere già nei depositi la maggior parte delle etichette che i consumatori compreranno, significa semplificare e velocizzare tutto il sistema. Digital Wine Ventures, tra le piattaforme digitali nel mercato del vino, utilizza le analisi di scelta dei clienti delle aziende vinicole. Sapendo quali saranno gli acquisti più probabili, sarà più facile rifornire i depositi in anticipo, così da abbassare i tempi di consegna.

Piattaforme digitali e logistica del vino

Unire quindi logistica e analisi dei dati è essenziale per piattaforme come Winedepot, che offre così il miglior servizio sia verso i produttori che verso i loro clienti. È un servizio B2B che soprattutto durante queste feste di fine anno sta già iniziando a dare buoni frutti. L’importanza della logistica in Australia è spiegata in questa intervista, potete leggerla qui. Per aziende vinicole come Casella potersi affidare a questa tecnologia è fondamentale; il General Manager della distribuzione, Flaminio Dondina, afferma: 

A causa delle dimensioni della nostra attività e del numero di cantine regionali sotto l’egida della famiglia Casella, questa partnership aggiungerà un valore significativo alla nostra organizzazione riducendo la complessità, aumentando l’efficienza operativa e migliorando i tempi di consegna (intervista a The Market Herald)

La strategia di Digital Wine Ventures è la ricerca di nuove partnership, in particolare con aziende di software dedicate all’e-commerce e al DTC. Come in altri settori, anche le piattaforme digitali nel mercato del vino si migliorano aumentando il numero di canali di informazione.

Secondo il CEO Dean Taylor, Winedepot inizierà a produrre utili a partire dal Q2 del 2020, ossia dal secondo trimestre. 

Photo by Bernd Dittrich on Unsplash

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *