L’edizione 2020 di Vinitiques sarà virtuale

edizione 2020 di Vinitiques

L’appuntamento per la 17a edizione 2020 di Vinitiques, dedicata all’uso dei dati in viticoltura, è il 26 maggio, e sarà solo in videoconferenza. La piattaforma scelta è Clickmeeting.

Dati vinicoli, wine tech e cartografia

La promozione delle iniziative che riguardano l’uso delle tecnologie digitali è una pratica che può aiutare a comprendere i fenomeni dovuti al cambiamento climatico, e come risultato aiuta a mettere a punto l’uso di metodi di lavoro alternativi. 

I dati raccolti dai sensori e analizzati grazie alla tecnologia dei Big Data, possono fornire informazioni preziose per la vinicoltura; in conclusione, più dati si raccolgono e migliore sarà la qualità delle analisi. E l’evoluzione dei sistemi di trasmissione dati può dare impulso a questa pratica, come spiego anche in questo post.

Ci saranno molte domande a cui l’analisi dei dati, la wine tech ed in generale le piattaforme digitali possono aiutare a rispondere. Si parlerà della situazione attuale, come strumenti non adatti, scarsità di preparazione, mancanza di coordinamento fra i settori. 

L’industria del vino è vasta e per sua natura la varietà dei modi di lavorare è enorme, in funzione delle tradizioni, del mercato di riferimento e delle leggi nazionali. Usare le piattaforme digitali non significa uniformare questo mondo, non avrebbe senso e non servirebbe. Per questo avere una uguale conoscenza della wine tech, delle sue potenzialità, può consentire a migliorare il lavoro e naturalmente anche il posizionamento nel mercato. L’analisi infatti non è solo dei dati di vigna, ma anche quelli di vendita, con una corretta profilazione dei propri clienti.

Durante l’edizione 2020 di Vinitiques 4 esperti porteranno il loro punto di vista su questo argomento.

Il programma di Vinitiques

Dalle 13:30 alle 13:45: Presentazione di tre strumenti sviluppati dall’IFV (Istituto Francese della Vigna e del Vino)
Le tecnologie digitali sono una grande opportunità per migliorare la condivisione delle informazioni: in termini di valutazione del rischio, i sistemi di informazione non possono più essere top-down (come i bollettini mensili) ma soprattutto da un feedback costante delle osservazioni dal campo: una valutazione positiva si basa necessariamente su approcci collettivi. Verranno messi in rilievo due esempi di strumenti sviluppati dall’IFV: Web Alerte Vigne, Optidose Pro. A cura di Marc Raynal dell’IFV

Dalle 13:45 alle 14:00: feedback dal CIVB (Conseil Interprofessionnel du Vin de Bordeaux)
Verrà presentato il GIS (Geo Information System) del vino di Bordeaux a cura dell’Osservatorio del National Plan Withering of the Vineyard. Attraverso 4 esempi, il CIVB mostrerà i risultati sull’uso collettivo dei dati in viticoltura. Quali sono i freni, le leve, cosa funziona, cosa non funziona, le aspettative e l’adesione degli utenti in base ai loro usi e interessi.. A cura di Yann Slostowski e Laurent Charlier della CIVB

Dalle 14:00 alle 14:15: In che modo la viticoltura può utilizzare l’onda digitale e i dati collaborativi per affrontare le sue sfide? Il GIP ATGeRi è il raggruppamento di interesse pubblico sulla gestione del territorio e dei rischi, ed usa i dati in correlazione a mappe cartografiche avanzate.  Presenterà gli ostacoli incontrati (paure, organizzazione, necessità di prove, ecc.) e i fattori di successo. Le proposte illustrative saranno affrontate con la componente digitale del progetto Vitirev. A cura di Pierre Macé di GIP ATGeRi

Dalle 14:15 alle 14:30: condivisione e sviluppo di dati agricoli, a quali condizioni?
Con la moltiplicazione degli strumenti digitali per assistere e gestire la produzione agricola, sorge la questione dello sfruttamento delle quantità di dati generati e del loro riutilizzo. La condivisione quindi è il fattore più importante per l’utilizzo dei dati. Ma occorre sapere come gestirla e come assicurare l’uso in completa trasparenza.  A cura di Florence Amardeilh d’Elzeard

Foto di Anna Shvets da Pexels

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *